A Lucca...si lancia!

  • Italia
  • Toscana
  • Lucca

Dopo un’interessante due-giorni di gare, và in archivio anche la Finale Nazionale 2012 del Trofeo Invernale di Lanci Lunghi.
In un contesto ottimamente predisposto per la manifestazione, divenuta anche occasione per l’inaugurazione del nuovo pistino indoor da 50m della struttura del Campo Scuola Comunale “Moreno Martini”, gli otto finalisti delle specialità del martello, del disco e del giavellotto (Senior/Promesse ed Allievi/Junior) si sono esibiti in una competizione dai validi risultati tecnici, una delle ultime prima del triangolare internazionale Italia-GFermania-Francia (Val de Reuil - Francia, 3 marzo) e della Coppa Europa di invernale Lanci (Bar - Montenegro, 17-18 marzo)
In chiave assoluta tutti i favoriti della vigilia confermano i pronostici (senza dimenticare assenze importanti come Nicola Vizzoni, comunque presente in tribuna, o Tamara Apostoli), portando a casa le maglie di campione italiano invernale.

Martello e Giavellotto inaugurano la manifestazione il sabato pomeriggio coi botti, partendo dalla prima delle due specialità proprio dall’attesa Silvia Salis (Fiamme Azzurre) che, dopo un primo lancio in scioltezza e tre nulli consecutivi, andava ad ipotecare il titolo assoluto con un ottimo lancio a 70,20m, misura che le vale il minimo “B” per le olimpiadi di Londra 2012, precedendo Elisa Palmieri (Esercito – 67,16m) e Marisa Mariani (Assindustria PD – 60,50m); situazione simile in campo maschile, dove il Carabiniere Lorenzo Povegliano ipotecava vittoria e minimo “B” con il secondo lancio a 75,50m, a discapito di Marco Lingua (Fiamme Gialle – 72,69m) e Simone Falloni (Aeronautica - 71,48m), quest’ultimo vincitore della categoria Promesse, precedendo Gianlorenzo Ferretti (Firenze Marathon – 63,92m) e Mattia Gabbiadini (Cento Torri Pavia - 59,95m). Nella medesima categoria, al femminile, Sara Pizzi (Tecno Adriatletica Marche) meritava il primo gradino del podio scagliando l’attrezzo a 56,86m, misura migliore di quelle ottenute da Elisa Magni (Cus Parma – 56,64m) e da Valentina Leomanni (Fanfulla Lodigiana – 55,62m). Infine in chiave giovanile, podio maschile composto da Marco Bortolato (Atl. Udinese Malignani – 73,73m), Patrizio di Blasio (Fiamme Gialle Simoni – 68,63m) e Carlo Calabrese (Atl. Bruni Vomano – 63,16) e quello femminile da Francesca Massobrio (CUS Torino – 57,60m), Maria Chiara Rizzi (Cremona Sportiva Atl. Arvedi – 54,04m) ed Elisabetta Broseghini (Valsugana Trentino - 49.05m).

Nella gara di Giavellotto, tra gli assoluti, vincono Norbert Bonvecchio (Atl.Trento CMB) con un lancio a 73,16m e Zahra Bani (Fiamme Azzurre) con 57,81m, seguiti rispettivamente da Roberto Bertolini (Fiamme Oro – 71,32m) e Leonardo Gotardo (Aeronautica - 70,48m) il primo, Tiziana Rocco (Fiamme Azzurre - 53,24m) e Maddalena Purgato (Assindustria - 53,15m) la seconda. Tra le promesse si riconferma Gianluca Tamberi (Fiamme Gialle) con 68,95m, cui seguono Gianluca Simionato (Fanfulla Lodigiana – 61,88m) e Nicolò Pisoni (Atl.Alto Garda – 58,53m), mentre è Sara Jemai(Sangiorgese - neo promessa, classe ’92) a vincere  tra le donne con 48,86m, ed alle sue spalle Elena Sorrentino (Assindustria – 43,20m) e giulia Boaro (Libertas Friuli Palmanova – 42,42m). Infine, in chiave giovanile, campione italiano è Mauro Fraresso (Silca Ultralite Vittorio Veneto) con un lancio a 66,66m, con discreto vantaggio su Stefano Contini (Fanfulla Lodigiana – 59,01m) e Joseph Figliolini (CaRiRi – 57,22m), mentre è campionessa italiana Roberta Molardi (Cremona Sportiva Atl. Arvedi – 47,04m), davanti a Martina Clean (CUS Trieste – 42,28m) e Celeste Sfirro (Fanfulla Lodigiana – 38,16m).

Buoni risultati ed una sorpresa arrivano dalla gara di lancio del Disco, con la conferma di Laura Bordignon (Fiamme Azzurre) capace di impossessarsi del titolo già al secondo lancio con la misura di 54,29m, ai danni di Ilaria Marchetti (CUS Torino, campionessa italiana promesse) ferma a 50,76m e Giorgia Baratella (Fiamme Oro) a 50,52m, al contrario di Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) che dopo il primo colpo oltre i 59m al secondo tentativo, ipoteca la maglia iridata al quinto lancio con la misura di 59,95m, seguito dal compagno di squadra Edoardo Albertazzi a 58,26m (campione italiano promesse) e da Fabio Cuberli (Atl. Udinese Malignani) a 54,97m. Ma è durante la cerimonia inaugurale del nuovo pistino indoor che arriva la sorpresa, direttamente dalla gara giovanile femminile, ove la campana Maria Antonietta Basile (Enterprise Sport & Service) piazza al primo tentativo il lancio che le vale, non solo il titolo nazionale, ma addirittura il primato nazionale di categoria con l’attrezzo da 1kg, portato quindi a 50,06m; nettissimo il distacco dalla seconda, Chiara Centofanti (Audacia Record Atletica), che vede un po’ oscurata la propria prestazione di 39,85m, dato il confronto col record italiano; segue poi Elisa Galzignato (Valsugana Trentino) con39,03m. I pari-età maschili vedevano la vittoria di Stefano Petrei (Atl.Udinese Malignani) con 56,23m, davanti a Martin Pilato (Atletica Ravenna – 53,26) e Giacomo Grotti (Libertas Runners Livorno – 49,93m). Infine gli altri gradini dei podi promesse vedono secondi Daniel Compagno (Assindustria  - 53,09m) ed Elisa Boaro (Libertas Friuli Palmanova – 48,87m) e terzi Pietro Caselli (La Fratellanza 1874 – 44,19m) e Valentina D’Urzo (CaRiRi – 45,73m)
Una manifestazione molto interessante e tecnicamente valida, probabilmente troppo riservata ai “tecnici di settore”, ma che comunque a dato spettacolo ed emozioni anche ai non addetti ai lavori del settore dei lanci.

 

Potrete trovare i risultati al seguente link

 

Le foto ufficiali della manifestazione sono presenti in quest'album (di Andrea Bruschettini)

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

GIUGNO
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento

Eventi collegati