ATLETICA & BUROCRAZIA: Cos'è un' A.S.D. ?

  • Italia

 

Riprende il viaggio di www.atleticaleggera.org nel mondo della burocrazia e della gestione sportiva.
In questo numero ci occuperemo di una questione che riguarda tutti, ma di cui pochi sono realmente informati:…

COS’ E’  UNA A. S. D. ?

Associazione Sportiva Dilettantistica (da cui l’acronimo A.S.D.) è la dicitura che l’ordinamento giuridico italiano prevede per tutte le associazioni sportive che intendano praticare attività sul territorio nazionale italiano, in sintonia con le normative del CONI.

Tale nomenclatura, inserita nella denominazione societaria, viene richiesta obbligatoriamente per l’affiliazione della società stessa al CONI, alle FSN (Federazioni Sportive Nazionali) ed agli EE.PP.SS. (Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI), utile inoltre per poter accedere alle richieste di sovvenzioni e sponsorizzazioni.

Ma partiamo dal principio, quindi: “Cos’è un A.S.D.?

Un’Associazione Sportiva Dilettantistica non è altro che un insieme di persone (soci) che decidono di costituire un gruppo (società) avente il comune intento di pratica, promozione o divulgazione (correlata anche ad un’eventuale commercializzazione) di una determinata attività sportiva, specifica o di ampio raggio.
Tale associazione, una volta registrata ufficialmente presso l’Agenzia delle Entrate locale, acquisisce personalità giuridica, assieme a diritti e doveri nell’ambito della legislazione e della burocrazia italiana, ricevendo un proprio codice fiscale ed, eventualmente, una propria Partita IVA.

Per costituirsi, un’ASD necessita di uno statuto, ovvero di una sorta di contratto tra privati, che regola e tutela gli appartenenti, i beni e l’attività che il gruppo consta, rispettando determinati parametri, indispensabili per il riconoscimento giuridico della stessa.
Primo parametro indispensabile è la definizione (oltre che della denominazione propria) di associazione senza scopo di lucro, seguita dalla finalità dell’attività prevista e dal principio di funzionamento democratico interno, con organi e cariche elettive, accessibili a tutti i soci e/o affiliati.

Sorge però un’annosa questione, cui in molti dedicano attenzione, ma difficilmente riescono a trovar spiegazione: “Se un’associazione sportiva è dilettantistica e senza fine di lucro, ed è l’unica denominazione valida per poter praticare attività sportiva in Italia, perché si sente parlare di contratti, compensi, accordi economici, ecc... nello sport?”.
La risposta lascerà storcere un po’ il naso, ma è probabilmente uno dei tasselli che l’ordinamento sportivo dovrà rivedere nei prossimi anni, date le evoluzioni continue del settore… e comunque necessita di una premessa.

L’ordinamento del nostro Paese, riconosce l’indipendenza di quello sportivo, ovvero del CONI, delle FSN, degli EPS e delle DSA (Discipline Sportive Associate), riconoscendo quindi una discreta libertà di regolamentazione dei gruppi sportivi sia sotto il piano delle discipline promosse, sia sotto il piano organizzativo-gestionale.
A tal proposito dunque, alcune federazioni hanno deciso di “evolvere” il proprio status, differenziando al proprio interno due diverse categorie di associazioni, creando oltre al settore “dilettantistico”, anche quello “professionistico”, e tra queste si annoverano il Calcio, il Ciclismo, il Golf, il Pugilato, la Pallacanestro, la Pallavolo ed il Motociclismo. Negli altri casi, anche in presenza di atleti/tecnici di ambito professionistico, ovvero che ricevono compensi, anche primari (che però dovranno sempre essere giustificati come “rimborsi spese forfettari”), per la loro attività in campo sportivo, rientrano comunque nella definizione di dilettanti, venendo riconosciuti giuridicamente tali.
Come preannunciato, qualcuno starà storcendo il naso, qualcun altro starà notando qualche vuoto normativo o qualche inadeguatezza legislativa, ma tale risulta essere la situazione vigente…

Come detto in precedenza, infine, le ASD possono quindi gestire ed amministrare anche economicamente il proprio operato, per il quale sono previsti precisi regimi di fiscalità e strumenti pubblici e trasparenti di rendicontazione, ma di tali argomenti tratteremo nei prossimi appuntamenti, a partire dall’11 aprile, con il prossimo numero della rubrica che sarà dedicato a “Come si costituisce un’A.S.D.?”.
Per informazioni, suggerimenti e domande su tale argomento, potete contattarci alla mail redazione@atleticaleggera.org

 

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

SETTEMBRE
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento