ATLETICA & IMPIANTI: La FIDAL denucia i danni sulla pista di Pescara!

  • Abruzzo
  • Pescara

 

Nuovo appuntamento con la rubrica di www.atleticaleggera.org relativa all’impiantistica dell’atletica italiana.
In questo numero toccheremo le terre abruzzesi affrontando la spiacevole situazione occorsa nello scorso febbraio allo Stadio Adriatico di Pescara, di recentissima fattura, ma già danneggiato!

 

LA FIDAL DENUNCIA I DANNI SULLA PISTA DI PESCARA!

 

Fare Atletica in Italia è sempre più un’ardua impresa… limitazioni, necessità, disinteresse e scarsa tutela la fanno da padroni in ogni singolo comune italiano, ma in alcune circostanze fa più scalpore.
Ancora una volta a far sorgere problemi è la convivenza con l’irrispettoso comportamento degli addetti ai lavori del Gioco del Calcio che, incuranti delle corsie delle piste adiacenti ai propri terreni di gioco, compiono ogni sorta di gesto, azione, deturpamento e vandalizzazione, incuranti degli enormi danni (soprattutto fisici) che comportano agli sfortunati atleti che dovranno fruire di quegli impianti!
In questa descrizione si incastra perfettamente anche la vicenda connessa con lo Stadio Adriatico Giovanni Cornacchia di Pescara, l’impianto di riferimento della città e della regione Abruzzo.

L’impianto pescarese, inaugurato nel 1955, più volte ristrutturato nel corso degli anni, ha visto il suo ultimo restyling nel 2009, anno in cui è stato il fulcro ed il simbolo dei XVI Giochi del Mediterraneo; con la nuova pista utilizzata per la prima volta proprio per le competizioni della chermesse internazionale, l’impianto ha più volte visto negli ultimi 2 anni manifestazioni di carattere regionale e nazionale di atletica leggera svolgersi al proprio interno, incentivando ancor più la pratica di questo sport, già favorito dalla splendida cornice e location nel quale lo stadio sorge, adiacente ad uno splendido parco, con annessa pineta e percorso vita, largamente utilizzati dagli sportivi e dagli atleti.

Nel corso del mese di febbraio però, complice le intense nevicate ripetutesi per più settimane, la squadra calcistica cittadina, anch’essa concessionaria dell’impianto CONI, aveva previsto la necessità di procedere alla copertura del terreno di gioco con dei teloni protettivi, al fine di non danneggiare il manto erboso di proprio interesse. Peccato che nel farlo abbiano utilizzato gli ostacoli come zavorre, ma soprattutto abbiano totalmente ignorato  l’esistenza della pista (costata ccirca 2 milioni di euro), sia nella posizione, che nel suo utilizzo, ma ancor più nella propria fattura, andando a rovinarne profondamente l’integrità, corrodendola col sale o disseminandola di buche e fori, più o meno estese e profonde, che stanno mettendo seriamente a rischio l’integrità fisica degli atleti praticanti; c'è da immaginare i volti degli increduli praticanti della pista all'atto dello spalare la neve per riprendere gli allenamenti in una struttura che è sede  di ben cinque socità spotive tra cui l’U.S. Aterno Pescara, società presente alla Finale A1 del Campionato Italiano di Società Assoluto 2011, pista spesso utilizzata anche da alcuni atleti di altre città nonché della società Campione d’Italia 2010, ovvero l’ASD Bruni Pubblicità Atletica Vomano!

Per completezza d’informazione vi alleghiamo di seguito il comunicato stampa diramato dal Comitato Regionale della FIDAL Abruzzo relativo alla vicenda trattata


COMUNICATO STAMPA FIDAL ABRUZZO:
“In questo caso il maltempo centra fino a un certo punto, perché la pista di atletica leggera dello Stadio Adriatico Cornacchia di Pescara è stata seriamente danneggiata dai lavori di stendimento dei teloni di protezione del manto erboso, compiuti per riparare il campo dalla neve. Dopo essere stata spalata, le società di atletica che si allenano sull’anello dell’Adriatico Cornacchia hanno trovato la sgradita sorpresa della presenza di buchi sparsi sul rettilineo d’arrivo della pista. I lavori di fissaggio dei teloni hanno prodotto dei profondi fori, del tutto ignorati evidentemente dai responsabili, che non hanno tenuto conto degli enormi danni procurati alla pista. La quale è stata ricostruita ex novo appena tre anni fa per ospitare le gare di atletica dei Giochi del Mediterraneo e che, soprattutto, rappresenta un patrimonio dell’intera atletica italiana e abruzzese, che ogni anno vi organizzano manifestazioni di campionato e meeting vari, oltre, naturalmente, ad ospitare l’intensa attività di allenamento di alcuni atleti di interesse nazionale e delle cinque società pescaresi di atletica presenti nell’impianto. Ma non è finita qui, perché oltre a causare i fori, c’è chi ha pensato bene di spargere del sale per accelerare lo scioglimento della neve, elemento fortemente corrosivo per il manto della pista. Inoltre, sono state utilizzate attrezzature per le gare di atletica, come gli ostacoli, per fissare i teloni sul prato. La coesistenza con il calcio ha ormai raggiunto livelli critici per l’intero movimento dell’atletica pescarese, già costretta a fare i conti con le numerose chiusure infrasettimanali dell’impianto, per via dell’organizzazione delle partite, e con i danneggiamenti causati dal lancio di petardi da parte dei tifosi locali della Curva Nord. Ora, anche la presenza di buche, che mettono a rischio la stessa agibilità di una delle piste storiche dell’atletica italiana. Il consigliere nazionale della federazione di atletica leggera, Augusto D’Agostino, esprime tutto il suo disappunto per i nuovi danni riportati dalla pista: "Questo fatto mi lascia disorientato, perché una pista di tale valore economico, costata 2 milioni di Euro, e di tale importanza a livello nazionale e internazionale, ha subito danni di notevole”

 

Continuando a reperire notizie sugli impianti disagiati della nostra penisola, invitando chiunque volesse segnalarci situazioni particolari a scrivere in redazione, vi salutiamo rimandandovi al prossimo numero previsto per il giorno 29 giugno 2012.

 

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

APRILE
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento