Diamond League: Trost nell'alto di Parigi

  • Europa

A Parigi la terzultima tappa della IAAF Diamond League 2016. Dopo i lampi di Losanna, il circuito internazionale torna in scena sabato 27 agosto nella capitale francese con 27 medagliati delle Olimpiadi di Rio. Sono otto i campioni olimpici annunciati in gara allo Stade de France: Ruth Jebet (3000 siepi), Faith Kipyegon (1500m), Sandra Perkovic (disco), Tianna Bartoletta (lungo), Kerron Clement (400hs), Ryan Crouser (peso), Thomas Rohler (giavellotto) e Ruth Beitia (alto). Proprio la 37enne spagnola che ha coronato con la medaglia delle medaglie una carriera quasi onnipresente sul podio dei grandi eventi, sarà tra le big che dovrà affrontare Alessia Trost, l'unica azzurra nel cast di Parigi. La 23enne pordenonese delle Fiamme Gialle ha salutato il Brasile con un quinto posto e quello che si prepara a vivere sarà il quindicesimo impegno agonistico di una stagione in cui fin qui la sua miglior misura è stata l'1,95 indoor di Madrid a fine febbraio. A Parigi dovrà vedersela anche con la bulgara, argento olimpico, Mirela Demireva, la caraibica Lavern Spencer e la lituana Airine Palsyte. Ultimo appuntamento dell'agenda internazionale 2016 della Trost sarà il 1° settembre a Zurigo per la finale della IAAF Diamond League. Poi per la vicecampionessa europea indoor ci sono importanti novità all'orizzonte: "Dopo la Finale dei Campionati di Società a fine settembre con la maglia del Brugnera Friulintagli, mi trasferirò ad Ancona per farmi seguire da Marco Tamberi, il papà di Gimbo. Mi ha già dato una mano a Rio ed è proprio lì che è maturata la decisione di fare questa svolta per trovare nuovi stimoli. Mi dispiace per la situazione che nei giorni scorsi si è creata con Gianfranco (Chessa, ndr) a cui devo dire grazie per tutto quello che abbiamo raggiunto insieme in questi anni. Ci siamo confrontati e non mi sento di dover aggiungere nulla, ci tengo a dire che non ho mai voluto mancargli di rispetto. Spero che il rapporto umano tra noi resti comunque lo stesso".

LE SFIDE DI PARIGI - Quattro gare presentano l’intero podio a cinque cerchi. Sui 400 ostacoli lo statunitense Kerron Clement verrà sfidato nuovamente dal keniano Boniface Tumuti e dal turco di origine cubana Yasmani Copello, mentre nei 3000 siepi l’olimpionica Ruth Jebet (Bahrain) se la vedrà con l’ex connazionale keniana Hyvin Kiyeng e la statunitense Emma Coburn. Nei concorsi, sulla pedana del disco sarà in azione la croata Sandra Perkovic, due volte campionessa olimpica, opposta alla 37enne atleta di casa Mélina Robert-Michon, argento a Rio, e all’iridata cubana Denia Caballero. Rivincita anche nel peso maschile, con l’oro Ryan Crouser di fronte all’altro statunitense Joe Kovacs e al neozelandese Tom Walsh, finiti in quest’ordine alle Olimpiadi. Una delle star principali della serata è quindi la keniana Faith Kipyegon, numero uno in questa stagione sui 1500 metri, ma proveranno a darle filo da torcere il bronzo olimpico Jenny Simpson e la campionessa del mondo indoor Sifan Hassan. Tornano di nuovo in pista, a sole 48 ore di distanza, alcuni dei protagonisti nel meeting di Losanna: la primatista mondiale dei 100 ostacoli Kendra Harrison e l’astista Sam Kendricks che ha sconfitto Renaud Lavillenie, atteso stavolta a Saint-Denis dal pubblico amico contro lo statunitense. Sui 100 metri da seguire i beniamini locali Christophe Lemaitre, bronzo olimpico dei 200, e il detentore del record europeo Jimmy Vicaut insieme al campione continentale, l’olandese Churandy Martina autore di un probante 19.81 nei 200 sull’anello svizzero. Se la vedranno con il sudafricano Akani Simbine e l’ivoriano Ben Youssef Meité, quinto e sesto nella finale a cinque cerchi davanti a Vicaut, oltre che con lo sprinter USA Mike Rodgers. Al femminile sui 200 metri, dopo il forfait della giamaicana Elaine Thompson, favori del pronostico per l’olandese Dafne Schippers con Jenna Prandini e l’ivoriana Marie-Josée Ta Lou, rivelazione dei Giochi con due quarti posti individuali, invece i 400 metri schierano Natasha Hastings, quarta a Rio. Nel lungo la serba Ivana Spanovic proverà a battere di nuovo l’olimpionica Tianna Bartoletta, come già avvenuto a Losanna, e l’oro di Rio nel giavellotto Thomas Rohler troverà la concorrenza del bronzo Keshorn Walcott, nella gara che annuncia al via il francese Kevin Mayer, argento olimpico del decathlon. Tanti motivi di interesse anche nel mezzofondo maschile: sugli 800 metri l’algerino Taoufik Makhloufi, vincitore di due argenti in Brasile (secondo anche nei 1500), con una nutrita pattuglia di avversari, dal francese Bosse allo statunitense Berian, dai polacchi Kszczot e Lewandowski ai keniani Rotich e Kipketer, fino al gibutiano Souleiman. Il bronzo olimpico dei 3000 siepi Mahiedine Mekhissi sarà impegnato invece sulla gara piana, dove sfiderà due medagliati di Rio sui 5000 metri: lo statunitense di origine keniana Paul Chelimo e l’etiope Hagos Gebrhiwet.

Fonte: www.fidal.it

Foto: FIDAL/Colombo


comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

GENNAIO
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento