La corsa blocca l’invecchiamento del cervello e aiuta le prestazioni mnemoniche

Un recente studio del CNR dimostra che l'esercizio fisico aerobico aiuta le prestazioni mnemoniche. Nuove possibilità per la medicina rigenerativa del sistema nervoso centrale.

L'esercizio fisico fa bene al corpo, al cervello e all'umore, regala sensazioni di benessere, stimola le endorfine. La corsa è un'attività aerobica eccellente che mantiene e migliora salute e vitalità. Tra i salutari benefici della corsa: il dimagrimento, il controllo del peso corporeo, l'efficienza muscolare, e non solo.
Stimola la produzione di nuovi neuroni: un recente studio italiano ha dimostrato scientificamente che la corsa blocca il processo di invecchiamento cerebrale, stimola la produzione di nuove cellule staminali, migliora le capacità mnemoniche.

Lo hanno scoperto i ricercatori dell'Istituto di biologia cellulare e neurobiologia CNR (Ibcn-Cnr) di Roma. La ricerca mette in dubbio un "dogma della neurobiologia", che ritiene irreversibile il "declino della neurogenesi nell'età adulta", così Stefano Farioli-Vecchioli dell'Ibcn-Cnr, coordinatore della ricerca, ha commentato i risulati dello studio.

Si è constatato che, nel cervello adulto, un idoneo esercizio fisico aerobico, come la corsa, blocca il processo di invecchiamento e stimola la produzione di nuove cellule staminali nervose nella zona dell'ippocampo, aumentando così le prestazioni mnemoniche.

La ricerca sostiene che la neurogenesi deficitaria riesca a ripartire nelle situazioni in cui, in assenza di questo gene, si compia un'attività fisica aerobica idonea a generare una efficace proliferazione cellulare, in grado di invertire totalmente il processo di perdita di staminali.

Lo studio, svolto nel laboratorio diretto da Felice Tirone, offre nuove possibilità nella medicina rigenerativa del sistema nervoso centrale: i buoni risultati consentiranno nuove ricerche dirette ad "aumentare la proliferazione delle staminali adulte nell'ippocampo e nella zona sub ventricolare", è stato spiegato da Farioli-Vecchioli.

I risultati saranno molto importanti per la prevenzione dell'invecchiamento e per contrastare la perdita di memoria. Nelle patologie neurodegenerative "le potenzialità terapeutiche di queste cellule sono davvero ampie". La ricerca si rivolgerà anche alla cura di gravi malattie come Alzheimer e Parkinson.
La corsa è certamente una disciplina salutare, purtroppo non è uno sport adatto a tutti e presenta dei rischi, vanno usate delle precauzioni. Per non provocare problemi di natura osteomuscolare, evitate: l'eccessivo allenamento, la corsa praticata su terreni sconnessi o su superfici troppo rigide e le calzature inadeguate.

Il programma di allenamento va personalizzato e controllato. Fattori di rischio possono essere: un importante sovrappeso, l'eccessivo sovraccarico sulle articolazioni.

Per chi si dedica al jogging, è utile, di tanto in tanto, praticare delle attività alternative alla corsa, come il nuoto, per variare il movimento ed evitare traumi da sovraccarico funzionale ripetuto.

Come vestirsi: è una disciplina da svolgersi preferibilmente all'aria aperta. Col caldo bisogna portare indumenti e scarpe molto traspiranti per favorire l'evaporazione del sudore; col freddo l'abbigliamento è in materiale techno: deve mantenere la temperatura corporea, e far evaporare il sudore senza disperdere il calore.

Esistono anche macchinari in grado di riprodurre la corsa a casa o in palestra, come il tapis roulant.

Gabriella Filippone

Fonte: Blasting.News

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

OTTOBRE
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento