La respirazione aiuta a prevenire l’infortunio

a cura del Dott. Matteo SIMONE

 

La velocità di respirazione influenza la mente: gli effetti di una riduzione della velocità di respirazione non si limitano solo al corpo, ma si estendono alla mente e alle emozioni. Una respirazione lenta, tranquilla, porta compostezza e un naturale sollievo dalle alterazioni emotive. Controllando e regolando la respirazione, si ottiene un controllo completo su se stessi, riuscendo a rimanere mentalmente tranquilli anche di fronte alle emozioni.
Per questo in Giappone si crede tradizionalmente che lo Zen, in cui il controllo della respirazione occupa un posto importante, sia una via all’autocontrollo.
La mancanza di autocontrollo fa si che persone, altrimenti capaci, sotto stress non siano in grado di fare quello che in condizioni normali sanno fare benissimo.
Quando c’è in gioco qualche cosa di importante, chi ha problemi emozionali di questo tipo si sente i muscoli e la mente tesi, il che impedisce di agire in modo appropriato.
Nessun accorgimento cosciente può fare nulla per risolvere questo problema, fuorchè il controllo della respirazione.
Rilassamento progressivo neuromuscolare: consiste in un esercizio di contrazione e decontrazione muscolare
Si ottiene una consapevolezza delle proprie sensazioni della tensione psicologica e della sua scomparsa quando i muscoli si rilassano
L’intento è di educare l’atleta alla riduzione volontaria del tono muscolare
Gli esercizi devono essere svolti giornalmente e progressivamente devono essere coinvolti la maggior parte dei muscoli del corpo.

Matteo Simone
Psicologo, Psicoterapeuta
www.psicologiadellosport.net



comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

NOVEMBRE
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento