Marcia d’oro e staffette d’argento per l’Enterprise Sport & Service

  • Brusaporto (BG)
  • Jesolo (VE)

Brusaporto (BG) - Un mese dopo la prima affermazione della formazione sannita del tacco e punta, torna di scena il Campionato Italiano di Società di Marcia, stavolta con la prova in pista sui 10000m.

quattro specialisti dell'Enterprise Sport & Service in gara hanno saputo farsi valere nel migliore dei modi, portando a casa posizionirisultati punteggi importanti, dimostrando sul campo ancora una volta il valore del team.

La gara maschile vedeva subito le canotte bianche nel gruppo di testa, guidato dal neo finanziere Francesco Fortunato (pur sempre Enterprise nelle competizioni tra le sole società sportive civili), che si involava in solitaria a chiudere la gara in 42'22"; alle sue spalle il cinquantista azzurro Teodorico Caporaso staccato di una trentina di secondi e pronto a portare a casa i suoi 49 punti, con il sorprendente sprint di Mirko Dolci a beffare di pochi decimi di secondi Tommaso Romagnoli e completando il podio di matrice campana con altri 48 punti. Sigillo conclusivo quello di Vincenzo Verde che con la sua 5^ posizione assoluta archiviata con il tempo di 45'07", sua seconda prestazione di sempre sulla distanza, ottenendo altri 46 pesantissimi punti che hanno regalato la vittoria a squadre anche in questa tappa, portando il computo totale a quota 268 punti, con un margine prossimo ai 100 punti di distacco sui primi inseguitori dell'Atletica Acquaviva.

L'ipoteca sullo scudetto 2015 veniva arricchita dalla buona prova di Nicla Dell'Aquila, alla sua seconda miglior prestazione all-time su pista, che le valeva la sesta piazza col tempo di 50'12" con i conseguenti 45 punti portati in dote alla classifica per club.

Con sempre più orgoglio e determinazione continua quindi il percorso della marcia in casa Enterprise, indubbiamente un'altra punta di diamante tra le frecce a disposizione dell'arco della squadra. [Risultati]

 

Jesolo (VE) - Riuscite ad immaginare una cascata d'acqua? C'è da supporre una risposta positiva... ma invece riuscite ad immaginare una cascata lunga e larga quanto una pista di atletica? Beh, il Challange Nazionale di Staffette ha fatto si che la realtà superasse l'immaginazione e quanto con difficoltà si sarebbe potuto fantasticare è stato surclassato dalla realtà di una kermesse dallo scenario più adatto allo stile libero ed al dorso che alla corsa veloce ed, ancor più, alle staffette.

Nonostante ciò, con questo "handicap" comune a tutte le formazioni presenti in gara a Jesolo (ma probabilmente un pò più patito dai giovani sprinter campani e siciliani) i ragazzi provenienti dalle terre del sole hanno fatto brillare al meglio i colori e le divise dell'Enterprise Sport & Service.

Prima giornata con due formazioni impegnate in gara, la 4x100m e la 4x400, la prima in gara di qualificazione poco dopo le 15.00 ad "aprire le danze" col pettorale n°53 e nella “fantastica” ottava corsia... 42"98, che valeva il secondo tempo di qualificazione della batteria, il terzo assoluto, a pochi decimi dall'Atl. Vicentina e dalla Riccardi Milano. Finale prevista intorno alle 17.00, stavolta in corsia n°5, con il quartetto composto da Bruno ScaglioneGiampaolo IppolitoGaetano Di Franco Massimiliano Ferraro pronto a dare battaglia ai diretti rivali, dopo la settimana di stage trascorsa col Prof. Filippo di Mulo a Catania.

Al traguardo la Riccardi Milano riusciva a spuntarla, portando in trionfo il ricordo della recente scomparsa dello storico presidente Renato Tammaro, con il team sannita a tagliare per secondo la linea d'arrivo in 42"03, portando a casa il secondo argento di giornata.
Sì, il secondo, perchè tra batterie e finale della staffetta breve, il quartetto della 4x400 aveva fatto vedere di cosa è potenzialmente in grado: il giovanissimo Federico Crisci in prima frazione, l'esperienza di Vito Incantalupo in seconda, l'estro di Gabriele Guarrera in terza e la determinazione di Ciro Riccardi in quarta, per portare a casa il secondo posto nella terza serie nonchè nella classifica assoluta col tempo (stavolta particolarmente condizionato dalla pioggia) di 3'28"57.

Con 98 punti in cassaforte e tanta grinta e carica da "sfogare", la seconda giornata si apriva con la 4x200m, staffetta sulla distanza intermedia dalla quale ci si aspettava qualcosa di importante.

Formazione composta da Gabriele GuarreraVito IncantalupoGiampaolo Ippolito e Ciro Riccardi che però, dopo una buona prima frazione vedeva il testimone non proseguire al meglio la propria corsa, condizionando particolarmente il riscontro cronometrico finale di 1'35"44nono posto e soli 42 punti conquistati, utili a raggiungere comunque quota 140 per il secondo gradino del podio del settore velocità maschile.

Si concludeva quindi la prima uscita nazionale outdoor, un test in avvio di stagione capace di dimostrare le potenzialità dei ragazzi e, al netto degli "incidenti di percorso", validare il progetto avviato già nel 2014 di questo giovane e promettente gruppo che non smette mai di stupire e confermarsi su scala italiana. [Risultati]


Carlo Cantales

Responsabile Comunicazione

ASD Enterprise Sport & Service

www.atleticaenterprise.com

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

GIUGNO
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento

Evento collegato

Challange Nazionale di Staffette 2015