RunLines: lo scalo a Frattaminore e San Marco Evangelista

  • San Marco Evangelista (CE)
  • Frattaminore (NA)

di Aldo Martucci

Come da programma la RunLines ha proposto per quest’ultimo week end uno scalo hard run.  Nonostante i valori limite della temperatura e dell’umidità sono sbarcati tutti, credo che a bordo non sia rimasto nessuno, nemmeno chi non poteva, fosse anche solo per accompagnare. 

In diversi abbiamo fatto due escursioni per inebriarci di km in territori e popolazioni diverse. Ora, dissolti gli ultimi vapori che hanno intorbidito mente e corpo, assaporiamo il dolce  sapore della soddisfazione. E più di noi, avvezzi ai fumi del running, credo che stiano assaporandolo gli organizzatori e le popolazioni che hanno assistito al transito del nostro serpentone colorato sui loro territori. Ecco, mi piace immaginare costoro mentre, orgogliosi e fieri, banchettano con ricche pietanze a base di oblio e soddisfazione. 

Nel torrido pomeriggio di sabato, animato da molteplici leitmotive, ho preso parte all’escursione di Frattaminore, una new entry nel catalogo delle escursioni, organizzata da un gruppo generoso e competente, ma di una terra sofferente alla quale, forse perché non lontana affatto dalla mia, mi sento di appartenere: la “terra dei fuochi”.  Chi ha partecipato avrà palpato con mano e lustrato gli occhi con uno spettacolo che anche raccontare con dovizia non può rendere onore in maniera compiuta nè gli organizzatori nè la popolazione. 

Ad accoglierci tanta gente che pare ci aspettasse. Per il raduno è stata destinata una vasta area; sono orientato a dedurre che sia stata così ben organizzata per non farci mancare nulla. Dal dono a noi offerto per aver scelto la loro meta posso legittimamente pensare che il tour operator abbia lavorato senza soste, trovando supporto incondizionato negli operatori commerciali del posto. Ma vi è di più. A pontificare la capacità organizzativa della escursione di Frattaminore è stata, su tutto, la sinergia, ovvero il “fare insieme e farlo alla meglio possibile”, riuscendoci in pieno. Da un lato, infatti, il comitato proponente si è cimentato nel percorso più difficile, quello completamente cittadino nonostante la scelta di tratti extraurbani avrebbe notevolmente semplificato loro le cose e dall’altro la popolazione che non solo ha accettato e consentito di far visitare il proprio centro abitato senza pensare ai disagi che ne scaturivano ma, quasi a voler aprire la loro intimità a noi venuti da chissà dove, hanno partecipato dai balconi e dai lati delle strade il passaggio di ciascuno di noi, avendo cura di sostenerci e apprezzare l’ulteriore sforzo da fare per via del caldo e dell’umidità sempre avendo cura che tutto procedesse secondo standard di ospitalità di altri tempi, altre occasioni. 

Ho dovuto sottoporre la mia mente ad uno sforzo innaturale per ricordare una attività ricettivo-ricreativa che non abbia offerto, in perfetto ordine e pulizia, acqua e musica agli escursionisti. Ma v’è di più. L’atteggiamento collaborativo delle auto prontamente fermate, nei punti critici del percorso, dai collaboratori dell’organizzazione o anche dai semplici cittadini mi ha indotto più volte a rivedere il mio sistema di coordinate geografiche per convincermi di essere nel mondo reale. Alla zona arrivo, poi, credo che ognuno si sia meravigliato, senza smettere mai di farlo, del calore mostrato dagli addetti e, prima ancora, della incredibile ressa di spettatori che, assiepata compostamente al di là delle transenne, ha festeggiato l’arrivo di ognuno, in particolare quando la cosa atteneva un amico o conoscente. 

Sublime.

Il ritorno a bordo del Runlines si è così ridotto ad un breve recupero. Con  le luci nel porto ancora accese è iniziata la preparazione della seconda escursione. Stavolta la meta è San Marco Evangelista, una piccola realtà urbana a ridosso di Maddaloni, baricentro del podismo di questa provincia. Il tour operator è capitanato da Peppe, un navigato escursionista amato da tanti. Ne ho piena convinzione dal fatto che scesi dalla RunLines, in tantissimi, hanno imboccato per questa escursione, nonostante la vasta offerta di escursioni contemporanee, peraltro altrettanto blasonate e ineccepibili per capacità organizzativa e bellezza paesaggistica. La voce di Marco, le migliaia di foto scattate a ciclo continuo da Roberto, Franco, Michele ed altri, gli infiniti sorrisi tra gli escursionisti finalmente ritrovati e quelli appena conosciuti hanno fatto da appendice ad una organizzazione collaudata la cui escursione è, e rimane, una tappa partecipata con il piacere e la certezza di essere a buona ragione inserita nel catalogo delle migliori.   

comments powered by Disqus
Pubblica con noi

Calendario e classifiche

FEBBRAIO
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
Pista Strada Montagna Lanci Marcia Campestre Trail
Inserisci il tuo evento

Eventi collegati

Fujenn Fujenn 2014

Gallerie